LA COLLEZIONE ESISTENZIALE / THE EXISTENTIAL COLLECTION, group exhibition, OGA, Roma, Italy, 27/2-8/3 2019

Artists: Mahedi Anjuman, Teymur Daimi, Davide De Lillis, Kuesti Fraun, Werther Germondari, Kuo Ying Hsiu, Yang Liu, Slawomir J Milewski, Michele Sanzò, Maria Laura Spagnoli, José Simões, Tahir Un.

The existence, our 'being there', with all that entails, is the inevitably broad theme touched this time by twelve international artists, with works as always coming from the OGA Collection.

L’esistenza, il nostro ‘esserci’, con tutto quello che comporta, è l’inevitabilmente ampio tema toccato questa volta da dodici artisti internazionali, con opere come sempre provenienti dalla Collezione dell’OGA.


Mahedi Anjuman (Bangladesh, 1987) is living in Reno and is studying in the Masters of Fine Arts at the University of Nevada, Reno. She was born in Bangladesh, the land of the mystics. She is very involved in the contemporary conceptual art process and experimenting art mediums. She has been inspired by Joseph Beuys’ statement, ‘everything is art and everybody is an artist’. She is curious about existentialism and being’s psychological impact of action reaction. “My desire in art is to re-connect to the authenticity that exists in nature, and to remind us of our core instincts” (M.A.).

Teymur Daimi (Baku, Azerbaijan, 1966) filmmaker, visual artist, philosopher (PH.D.). Graduated from Azerbaijan State Art College in 1985 and Azerbaijan State Culture and Art University in 1993. Since 2001 he has been working on audiovisual sphere as a film director. He is participant of International Film Festivals, Exhibitions and Biennial including 1st Thessaloniki Biennial in 2007 and at the 53rd Venice Biennial in 2009 in the frame of Azerbaijan pavilion. Member of the Union of cinematographers of Azerbaijan.

Davide De Lillis (Caserta, Italy, 1985) comes from a faraway world. Following the sounds of pre-Roman rites, he arrives in Cori. He learns, from a group of knights, to tell and dance the lives of heroes who made of empathy and vulnerability their strength. He is flown by the impetuous winds of a hurricane to Palermo, where he works as an apprentice in the workshop of a Shaman and a Fisherman. He becomes a young artist and, aboard a paper boat, sails for adventures in unknown lands. He arrives in Berlin, where he starts a fellowship with a group of 77 stolen fish.

Kuesti Fraun (Wiesbaden, Germany, 1976) Graduated in drama, cinema and TV, he founded the creative collective Mobtik in 1999. Multi-award-winning independent filmmaker, his works have been projected at the Louvre Museum in Paris, at the Museum of Multimedia Art in Moscow, at the EXPO in Milan, at the Kunstpalast in Düsseldorf, receiving nominations for Marler Videoartprize and ArtFilmFestival in Cannes, at the NASA and Cinema  Arts Society Houston, and many more.

Werther Germondari (Rimini, Italy, 1963) Visual artist, performer and filmmaker graduated in Institutions of Direction at the University of Bologna and at the Centro Sperimentale di Cinematografia in Rome. Attentive to innovative experimental neo-conceptual dynamics that are characterized by an ironic and surreal taste, since the early eighties has carried out research through numerous expressive media. Michele Sanzò (Cercemaggiore, Italy, 1955) Actor, author of independent videos and theater director graduated from the National Academy of Dramatic Arts 'Silvio D'amico' in Rome and at the Accademia Musicale Chigiana in Siena. Maria Laura Spagnoli (Amelia, Italy, 1960) Graduated in History of Music at the University of Rome, and in Institutions of Direction at the University of Bologna, she has lived and collaborated artistically with Werther Germondari since 1988. The three artists collaborated between 1996 and 1999 creating a series of underground videos.

Kuo Ying Hsiu (Taiwan, 1985) is a transdisciplinary artist. In recent years, she’s been focusing on social issues and the relationship between field and identity. She is interested in social interaction and symbolic interaction, both interpersonal and between people and field. She collaborates with Yang Liu (China, 1991), a choreographer, body explorer, who graduated from Hong Kong Academy for Performing Arts, MFA in dance. Her recent works focus on body senses and performance exploration, seeking the personality in the body and sensational instinct.

Slawomir J Milewski (Lidzbark Warminski, Poland, 1979). London based polish artist and filmmaker, he completed his Master degree at University of Fine Arts in Poznan, Poland. He was awarded a scholarship by Universite Rennes 2 in Rennes, France. His films has been presented and awarded at numerous festivals and exhibitions in North and South America, Europe and Australia. “For filmmaker Slawomir Milewski, the ultimate transgression is not living life to the fullest; refusing to embrace life and instead, travailling in a grey, dull space void of joy”. (Eluxe Magazine)

José Simões (Beira, Mozambico, 1975). Portuguese artist graduated in Fine Arts Sculpture in Oporto Fine Art School with academic background in Analog Photography, Drawing and Video. Signed in the Master of Urban Design: Art, City, Society in the Fine Art School of Barcelona University. Acquisition Award FUSO | Fundação EDP 2015 with the video "How the Portuguese eat the White Bread Toast". At this moment mostly of is time is dedicated to video experimental, documentary and video art, where developed works related with portrait as well the collect of meanings.

Tahir Un (Akhisar, Turchia, 1960) Tahir Un was born in Turkey in 1960. He holds a BA degree from Language and History-Geography Faculty of Ankara University, where he studied History of European Arts. He gives lectures in photography and multimedia essay in the Communication Faculty of Yasar University, Turkey. Tahir Un is currently active in photography and new media arts. He lives in Izmir. “If art is a language to express myself, then inspiration ought to be the very life in which I am. And societal issues troubling me every so often, and sometimes my own dilemmas…” (T.U.)

-----------------------

Mahedi Anjuman (Bangladesh, 1987) vive a Reno e studia presso il Masters of Fine Arts dell'Università del Nevada. È nata in Bangladesh, la terra dei mistici. È molto coinvolta nello sviluppo dell’arte concettuale contemporanea e nella sperimentazione di mezzi d'arte. È stata ispirata dall'affermazione di Joseph Beuys, "tutto è arte e ognuno è un artista". È incuriosita dall'esistenzialismo e dall'impatto psicologico dell'essere nella reazione all'azione. “Il mio desiderio nell'arte è di riconnettersi all'autenticità che esiste in natura e di ricordarci i nostri istinti fondamentali” (M.A.).

Teymur Daimi (Baku, Azerbaijan, 1966) filmmaker, artista visivo e filosofo laureato nel 1985 presso l'Accademia d'arte statale dell'Azerbaijan e nel 1993 all'Università statale di cultura e arte dell'Azerbaigian. Dal 2001 lavora come regista alla sfera audiovisiva. È autore di numerosi articoli e saggi in edizioni locali e internazionali di arte e cultura. Ha partecipato a festival, mostre e biennali internazionali, tra cui la 1a Biennale di Salonicco nel 2007 e la 53a Biennale di Venezia nel 2009, nel padiglione dell'Azerbaijan. Membro dell'Unione dei cineasti dell'Azerbaigian.

Davide De Lillis (Caserta, Italia, 1985) proviene da un mondo lontano. Seguendo i suoni dei riti pre-romani, arriva a Cori. Impara, da un gruppo di cavalieri, a raccontare e danzare le vite degli eroi che hanno fatto dell'empatia e della vulnerabilità la loro forza. È pilotato dai venti impetuosi di un uragano a Palermo, dove lavora come apprendista nel laboratorio di uno sciamano e un pescatore. Diventa un giovane artista e, a bordo di una barchetta di carta, naviga per avventure in terre sconosciute. Arriva a Berlino, dove inizia una fratellanza con un gruppo di 77 pesci rubati.

Kuesti Fraun (vero nome Chris Brandl. Wiesbaden, Germania, 1976) Laureato in drammaturgia, cinema e tv, ha fondato nel 1999 il collettivo creativo Mobtik. Pluripremiato cineasta indipendente, le sue opere sono state proiettate al Museo del Louvre di Parigi (International Public Art Short Film Contest 2015), al Museo di arte multimediale di Mosca, all'EXPO di Milano, al Kunstpalast di Düsseldorf. Il video in mostra vuole essere una dichiarazione ironica sul consumo e sul fatto che spesso ottenere di più di ciò che sarebbe sufficiente per noi possa portare ad un disagio...

Werther Germondari (Rimini, 1963) Artista visivo, performer e filmmaker laureato in Istituzioni di Regia all’Università di Bologna e presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge dai primi anni ottanta una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Michele Sanzò (Cercemaggiore, 1955) Attore, autore di video indipendenti e regista di teatro diplomato all'Accademia Nazionale di Arte Drammatica ‘Silvio D’amico’ di Roma e all'Accademia Musicale Chigiana di Siena. Maria Laura Spagnoli (Amelia, 1960) Laureata in Storia della Musica presso l’Università di Roma, e in Istituzioni di Regia all’Università di Bologna, vive e collabora artisticamente con Werther Germondari dal 1988. I tre artisti hanno collaborato tra il 1996 e il 1999 realizzando una serie di video underground.

Kuo Ying Hsiu (Taiwan, 1985) è un artista transdisciplinare. Negli ultimi anni si è concentrata su questioni sociali e sulla relazione tra campo e identità personale. È interessata all'interazione sociale e all'interazione simbolica, sia interpersonale che tra persone e campo. Collabora con Yang Liu (Cina, 1991), coreografa, body explorer, diplomata all'Accademia di Hong Kong per le arti dello spettacolo, MFA in danza. I suoi lavori recenti si concentrano sui sensi del corpo e sull'esplorazione delle prestazioni, cercando la personalità nel corpo e l'istinto sensazionale.

Slawomir J Milewski (Lidzbark Warminski, Polonia, 1979). Artista e cineasta polacco con base a Londra, ha completato il Master all'Università di Belle Arti di Poznan, in Polonia. Ha ricevuto una borsa di studio dalla Universite Rennes 2, a Rennes, in Francia. I suoi film sono stati presentati e premiati in numerosi festival e mostre in Nord e Sud America, Europa e Australia. "Per il regista Slawomir Milewski, l'ultima trasgressione non è vivere la vita al massimo, ma piuttosto di abbracciare la vita, viaggiando in uno spazio grigio opaco vuoto di gioia". (Eluxe Magazine)

José Simões (Beira, Mozambico, 1975). Artista portoghese laureato in Scultura all’Oporto Fine Art School con background accademico in fotografia analogica, disegno e video. Master in Design Urbano: Arte, Città, Società nella Scuola di Belle Arti dell'Università di Barcellona. Premio Acquisizione FUSO | Fundação EDP 2015 con il video "Come i portoghesi mangiano il pane bianco". In questo momento gran parte del suo tempo è dedicato al video sperimentale, al documentario e alla video arte, dove sta sviluppando opere legate al ritratto e alla raccolta di significati.

Tahir Un (Akhisar, Turchia, 1960) ha conseguito una laurea presso la Facoltà di Lingue e Storia-Geografia dell'Università di Ankara, dove ha studiato Storia delle arti europee. Tiene conferenze in fotografia e saggio multimediale presso la Facoltà di comunicazione dell'Università Yasar, in Turchia. Tahir Un è attualmente attiva nella fotografia e nelle arti dei nuovi media. Vive ad Izmir. “Se l'arte è un linguaggio per esprimere me stesso, allora l'ispirazione dovrebbe essere la vera vita in cui sono. E le questioni sociali mi turbano ogni tanto, ea volte i miei dilemmi...” (Tahir Un).

 Werther Germondari © 1980 - 2019