TRACTATUS LOGICO PHILEROTICUS, feature film triptych, 1998 - 2020 (?)


(italian below)


Designed in 1998 by Werther Germondari, the 'Tractatus logico-phileroticus' is a work in progress for the realization of three art-works in the form of long features films (Sex Equo, Sex Novo and (S)explicitus). Produced and directed together with Maria Laura Spagnoli, these works want to be a reflection on the relationship of the human species with their sexual instinct, through a (light) philosophical, ironic, grotesque, and playful approach, but also (especially in the second and third films) a bit' politic.

Each of the three movies is divided into episodes, joined by fils rouges. Pratically all the episodes (ranging from video-art to fiction, to the short documentary) before and after the inclusion in the corresponding feature film, live and have also lived its own existence in art exhibitions and festivals.

locandina

The first of the three feature films, entitled 'Sex Equo', consists of nine episodes. Shot entirely in Super16 and 35mm. The filming of the first two episodes is from 1998. Completed in 2011, the film was presented as a world premiere in 2011 at the XIII Festival Internacional de Cine Independiente in Buenos Aires. This is the fun review received at the festival: “A series of short stories with a fetish, eccentric, porn, and funny sexuality, in the same remixed and exasperated tone of Italian picaresque comedies. There can’t be any possible linear storytelling in this lesson of sexual misbehaving, because Germondari & Spagnoli’s four eyes see a lot more than a single pair and have a lot less guilt than many. So, high impact voyeurism is the base here for a whole festive imagery of sex, no matter how strange, vulgar, or chic it may be, seem or look. This new cinematographic Kamasutra features Adam and Eve in a paradise of infinitely tempting red apples, a pornographer focused on his Little Red Riding Hood, an androgynous shooter, some playful bisexuality, multiple-use inflatable bodies, and other indecent fun elements of the flesh. And all that in the context of Italian architecture, which even if it seems touristic, it draws an appealing key on each door to explore other locations of pleasure. You just have to know how to look and enjoy”.

Poster Sex Novo

In 2002, in parallel with the realization of the various episodes of 'Sex Equo', a video performance marked the beginning of the realization of 'Sex Novo'. Compared to 'Sex Equo', in 'Sex Novo', a deliberately more dry and minimalist style is clearly identifiable. First of all from an aesthetic point of view, through the format of shooting, entirely digital, that the choice of scenes and costumes. The characteristics of the surreal irony and the grotesque, already present in 'Sex Equo', in some episodes are then decidedly more 'edgy' in 'Sex Novo', especially as a consequence of the 'stories' told.

It is important to say that the full titles of the two features are 'Sex Equo (sex in the foreground)' and 'Sex Novo (sex in the background)'. These subtitles were inspired by two famous records made by Duke Ellington in the sixties, 'Piano in the foreground' and 'Piano in the background'. This design vision developed in the two films metaphorically replaces the sex instead of the piano. In 'Sex Equo' in fact, almost all the stories have as a triggering element the desire to 'sin', starting from the fil rouge, in which Adam and Eve, sent away out of Eden, find themselves in a place full of 'apples' and other fruits from which arise the various 'fantasies' shown by the various episodes. In 'Sex Novo' instead the episodes of the film mainly tell of fetish/bdsm practices, much more common than we think in today's society, and long before, as most people mistakenly believe, some best-sellers highlight their 'shades'. In such practices the sexual act is almost banned, non-existent, or just 'in the background', exactly, and the enjoyment of the protagonists is mainly given by the mental approach to the lived situation.

In recent years (precisely in 2016, writing and shooting the episode ‘Smack’) Werther Germondari has wanted to further ‘raise the bar’ of his research developed in 'Tractatus logico-phileroticus'. In fact, compared to 1998 many things have changed. The desire for stories in which sex can become an encouragement also for a political reflection, especially the inequalities still too present between man and woman in our society, or the absurd discrimination towards the queer, homosexual, transgender, etc. led him to develop new episodes of 'Sex Novo' that probably can also be considered as 'post-porn' works, due to the presence of sexually 'explicit' scenes, although always functional to the narration.

This presence, in the intentions of Germondari, does not want to be an exhibitionist ostentation, but on the contrary an experimentation to understand to what extent a story can be told more or less effectively and what differences brings the fact of seeing some stories with or without the presence of explicit scenes. Or again, the attempt to incorporate a scene explicitly integrally as part of the story, to the point that it does not allow a vision of the work without the same scene. All this to try to undermine a superficial view of the public compared to the presence of erotic and pornographic scenes, and to show that often what seems scandalous to us is not at all, compared to the hypocrisy that dominates in human social relations.

In this sense, the words written by the jury of the II Hacker Porn Film Festival in Rome, to motivate the Best Italian Short Award in 2018, to the video 'POW (Piss Off, War): POW renews the imaginary of porn with an experimental and brave idea. In opposition to the violence of war, two enemy soldiers let themselves go to hallucinated and consensual experimentation in a natural setting that protects them, where human and not-human, real and unreal mix”. 

Episode that will be part of ‘Sex Novo’, POW will also be, in the version with one ‘explicit-porn’ scene, of ‘(S)explicitus’, the third movie of the trilogy of the 'Tractatus logico-phileroticus'. In practice this third feature film will be the container of episodes tending in the style of 'Sex Novo', but in which there will be episodes in which the overwhelming presence of explicit sex scenes will exceed the planned one. In any case, it will also be possible to double the presence of the same episode in the second and third films, where it will be possible to simply censor some episodes to allow the view to a wider audience, as in the mentioned case of the video 'POW'.

‘Sex Equo’ and all the realised episodes of the three movies are visible on-demand, even in the ‘explicit versions’.

——————————

Progettato nel 1998 da Werther Germondari, il ‘Tractatus logico-phileroticus’ è un work in progress per la realizzazione, con modalità produttive totalmente indipendenti, di tre opere in forma di lungometraggio cinematografico. Prodotti e diretti insieme a Maria Laura Spagnoli, tali lavori vogliono essere una riflessione sul rapporto della specie umana con le proprie pulsioni sessuali, attraverso un approccio filosoficamente leggero, ironico, grottesco, giocoso, ma anche (soprattutto nel secondo e terzo film) un po’ politico.

Ognuno dei tre film è diviso a sua volta in episodi, uniti da fils rouges. Quasi tutti gli episodi, che spaziano dalla video-art alla fiction, al breve documentario, prima e dopo l’inserimento all’interno del corrispondente lungometraggio, vivono ed hanno vissuto anche una propria esistenza in mostre d’arte, festival e rassegne, come opere a sé stanti. 

Il primo dei tre lungometraggi, dal titolo ‘Sex Equo’, è composto da nove episodi. Girato interamente in pellicola Super16 e 35mm. Le riprese dei primi due episodi sono del 1998. Terminato nel 2011 il film è stato presentato in prima mondiale nel 2011, al XIII Festival Internacional de Cine Independiente di Buenos Aires. Questa è la divertente recensione ricevuta al festival: “Una serie di brevi storie di sessualità feticista, eccentrica, porno e umoristica, in chiave remixata ed esasperata dallo spirito della commedia picaresca italiana. Non c'è linearità possibile in questa lezione di mala educazione sessuale, perché i quattro occhi di Germondari e Spagnoli non solo vedono più di due, ma provano molto meno senso di colpa di molti altri. Così un voyerismo di alto impatto è qui alla base di tutto un festoso immaginario sessuale, non importa quanto strano, volgare o chic possa essere, sembrare o apparire. In questo nuovo Kamasutra cinematografico ci sfilano davanti Adamo ed Eva, in un paradiso di mele infinitamente tentatrici, un regista di film porno concentrato sulla sua 'Cappuccetto Rotto', un tiratore androgino, una bisessualità giocosa, corpi gonfiabili dai molteplici usi, ed altri indecenti divertimenti della carne. E tutto nel contesto di un'architettura italiana che, per quanto turistica possa sembrare, disegna in ogni porta una chiave tentatrice per esplorare altri luoghi del piacere. Bisogna solo saper guardare e godere”.

Nel 2002, parallelamente alla realizzazione dei vari episodi di ‘Sex Equo’, una video-performance segnainvece l’inizio della realizzazione di ‘Sex Novo’. Rispetto a ‘Sex Equo’ , in ‘Sex Novo’, è chiaramente identificabile uno stile volutamente più asciutto e minimalista. Innanzitutto da un punto di vista estetico, per mezzo del formato di ripresa, interamente digitale, che della scelta delle scene e dei costumi. Le caratteristiche dell’ironia surreale e del grottesco, presenti già in ‘Sex Equo’, in alcuni episodi sono poi decisamente più ‘spigolose’ in ‘Sex Novo’, soprattutto in conseguenza delle ‘storie’ raccontate.

È importante infatti dire che i titoli completi dei due lungometraggi sono ‘Sex Equo (sex in the foreground)’ e ‘Sex Novo (sex in the background)’. Tali sottotitoli, sono stati ispirati da due famosi dischi realizzati da Duke Ellington negli anni sessanta, ‘Piano in the foreground’ e ‘Piano in the background’. Tale visione progettuale si è sviluppata nei due film sostituendo metaforicamente il sesso al pianoforte. In ‘Sex Equo’ infatti, quasi tutte le storie hanno come elemento scatenante la voglia di ‘peccare’, a cominciare dal fil rouge, in cui Adamo ed Eva, cacciati dall’Eden, si ritrovano in un luogo pieno di ‘mele’ ed altri frutti da cui scaturiscono le varie ‘fantasie’ mostrate dai vari episodi. In ‘Sex Novo’ invece gli episodi del film raccontano soprattutto di pratiche fetish/bdsm, molto più diffuse di quanto si pensi nella società odierna, e da molto prima che, come la maggior parte delle persone erroneamente crede, alcuni bestseller ne evidenziassero le ‘sfumature’. In tali ‘pratiche’ l’atto sessuale è quasi bandito, inesistente, o appunto ‘in background’, ed il godimento dei protagonisti è principalmente dato dall’approccio mentale alla situazione vissuta.

Negli ultimi anni Werther Germondari (precisamente nel 2016, con la realizzazione dell’episodio ’Smack’) ha voluto alzare ulteriormente l’asticella della propria ricerca sviluppata nel ‘Tractatus logico-phileroticus’. Rispetto al 1998 infatti molte cose nella società sono cambiate. La voglia di storie in cui il sesso possa diventare un viatico per una riflessione anche politica, riguardo soprattutto le disuguaglianze ancora troppo presenti tra uomo e donna nella nostra società, o le assurde discriminazioni verso il mondo queer, omosessuale, ecc. lo ha portato a sviluppare nuovi episodi di ‘Sex Novo’ che probabilmente possono essere considerabili anche come lavori ‘post-porno’, per la presenza di scene sessualmente ‘esplicite’, seppure sempre funzionali alla narrazione. 

Tale presenza, nelle intenzioni di Germondari, non vuole essere una ostentazione esibizionista, ma al contrario una sperimentazione per capire fino a che punto una storia può essere raccontata più o meno efficacemente e quali differenze porta il fatto di vedere alcune storie con o senza la presenza di scene esplicite. O ancora, il tentativo di inglobare una scena esplicita integralmente come parte della storia, al punto tale di non permettere  una visione dell’opera senza la stessa scena. Tutto questo per cercare di scardinare una visione superficiale del pubblico rispetto alla presenza di scene erotiche e pornografiche, e dimostrare che spesso ciò che ci sembra scandaloso non lo è affatto, se paragonato all’ipocrisia che domina nelle relazioni sociali umane. 

In questo senso le parole scritte dalla giuria dell’Hacker Porn Film Festival di Roma, per motivare il Premio come Miglior Corto Italiano nel 2018 al video ‘POW (Piss Off, War): "POW rinnova l’immaginario del porno con un’idea sperimentale e coraggiosa. Di fronte alla banalità del male che la violenza della guerra porta con sé, due soldati di fronti opposti si abbandonano alla sperimentazione allucinata e consensuale in una natura che li protegge, dove umano e non umano, reale e non reale si confondono”. Tale lavoro, peraltro, grazie ad una sottile differenza di ripresa in una delle scene, esiste sia in versione ‘esplicita’ che non, permettendo così una circolazione anche in festival non a tematica erotica.

‘(S)explicitus’, il terzo film della trilogia del ‘Tractatus logico-phileroticus’ sarà dunque di fatto il contenitore di episodi tendenzialmente nello stile di ‘Sex Novo’, ma in cui saranno presenti episodi in cui la presenza preponderante di scene di sesso esplicito supererà quella progettualmente prevista. Saranno comunque possibili anche duplici presenze dello stesso episodio all’interno del secondo e terzo film, laddove sarà possibile censurare semplicemente alcuni episodi per permetterne la visione ad un pubblico più ampio, come nel su citato caso del video ‘POW’.

‘Sex Equo’ e tutti gli episodi dei tre film usciti fino ad ora sono visibili on-demand, anche nelle versioni ‘esplicite’

Werther Germondari © 1980 - 2018