BRUCE NERO/BLACK LEE, 2009

"A famous image of Bruce Lee in which from 'yellow' to black he wants to symbolize a far-reaching phenomenon, in place for years but increasingly on the agenda in the reflections that concern Africa: the Chinese penetration in the continent, which is very pervasive, and which aims to hunt for oil and other raw materials: Local regimes welcome Beijing, which in return protects them from the American strategy of "democratization" 1e even if the pillar of the Chinese strategy towards Africa the business remains, much of the Chinese attention is devoted to a "charm offensive" based on other types of instruments”.

1083198303

"Una famosa immagine di Bruce Lee in cui da ‘giallo’ diventa nero vuole simboleggiare un fenomeno di ampia portata, in atto da anni ma sempre più all’ordine del giorno nelle riflessioni che riguardano l’Africa: la penetrazione cinese nel continente, che è molto pervasiva, e che ha come obiettivo la caccia al petrolio e ad altre materie prime: I regimi locali accolgono volentieri Pechino, che in cambio li protegge dalla strategia americana della “democratizzazione” e anche se il pilastro della strategia cinese nei confronti dell’Africa rimane il business, molta parte delle attenzioni cinesi viene dedicata a un’“offensiva dello charme” basata su strumenti di altro genere”.

Exhibitions: I volti dell’Africa, group exhibition, Spazio Arte Contemporanea Sperimentale, Quiliano (Savona), Italy, 28/8-5/9/2010


 Werther Germondari © 1980 - 2020