AMORE? / LOVE?, group exhibition, OGA, Roma, Italy, 14-25/2/2020

Precedente

Artists: Petra Brnardic, Cochon de Cauchemar, Valentina De Franceschi e Frè, Davide De Lillis, Werther Germondari, Eduardo Herrera, Rosemary Norman and Stuart Pound + Nick Baker, Rita Soccio, Yuri Yefanov.

In correspondence with the anniversary of the lovers, the Ospizio Giovani Artisti dedicates a group exhibition with works by twelwe international artists, coming as usual from the OGA Collection.

In corrispondenza con la ricorrenza dedicata agli innamorati l’Ospizio Giovani Artisti espone una mostra collettiva con opere di dodici artisti internazionali, provenienti come sempre dalla Collezione dell’OGA.


Petra Brnardic (Zagreb, Croatia, 1978) Graduated at the Academy of Fine Arts in Zagreb in 2004, she is working on short experimental movies for several years, and she usually use collage technique and surreal, vivid, psychedelic imagery inspired by silent movie era, underground and cult movies mostly from the 60s-early 80s, horror and camp aesthetics and other forms of arts. “My cinema is visual poetry, often brutal, macabric, hallucinant and full of polarities, like sex and death or good versus evil, just like the deepest caves of human psyche and ocean of subconsciousness”.

Cochon de Cauchemar (?????, ????). Berlin based queer porn performer, has previously graduated in Fashion and Textile Design. In an effort so as to challenge perceptions of what porn can be, Cauchemar employs kitsch aesthetics to align themselves with ongoing discourse around the ‘Art versus Porn’ debate. “I create, perform and collaborate with alternative pornographers” specifically those who share the artists concerns about dominant consumerism and those who seek to challenge narrow perspectives on the body politic, sexualities, fluidity and gender”. 

Valentina De Franceschi (Vicenza, 1976). Graduated from the High School of Art in Schio, in 2005 she graduated from D.A.M.S. of Bologna with a multidisciplinary thesis on contemporary art, comics and mass communications. Interested in all possible communicative languages, she has created literary works, with a series of books on paraphilias and texts for graphic novels, and video works, curated from writing to directing. In 2011 he founded ex-machina productions, which deals with creating, organizing and disseminating interesting projects in the field of visual, audiovisual and literary art. Frè (????, Italy, 1977). Visual artist, he is the author of the graphics of the work in the exhibition. Info: https://freart.blog/

Davide De Lillis (Caserta, Italy, 1985) comes from a faraway world. Following the sounds of pre-Roman rites, he arrives in Cori. He learns, from a group of knights, to tell and dance the lives of heroes who made of empathy and vulnerability their strength. He is flown by the impetuous winds of a hurricane to Palermo, where he works as an apprentice in the workshop of a Shaman and a Fisherman. He becomes a young artist and, aboard a paper boat, sails for adventures in unknown lands. He arrives in Berlin, where he starts a fellowship with a group of 77 stolen fish.

Werther Germondari (Rimini, Italy, 1963) Visual artist, performer and filmmaker. Interested in innovative experimental dynamics that are neo-conceptual and situational, characterized by a taste for the ironic and surreal, Germondari has experimented for 35 years through many different expressive media (from painting to installations, photography to film, videos to live performance). Germondari's works have also been shown in solo exhibitions where he focuses on hidden elements highlighted in styles. In 2013 he founded the Ospizio Giovani Artisti.

Eduardo Herrera (Buenos Aires, Argentina, 1977) he studied sculpture at the Academy of Fine Arts in Rome and Visual Arts at the Antonio Berni institute (Buenos Aires). He specialized in the art of ceramics at the Istituto G.Ballardini in Faenza and followed a course in holistic ceramics and shamanic techniques at the Condorhuasi Institute in Buenos Aires. 'Upload', the video in the exhibition, tries to describe the strength we can sense dwelling in certain sacred places as Antequera’s Dolmens in Andalucía, as well as our inner presence that allows us to be ‘here and now’.

Stuart Pound (Londra, GB, 1944) Stuart Pound lives in London and has worked in film, digital video, sound and the visual arts since the early 1970’s. Since 1995 he has collaborated with the poet Rosemary Norman (Londra, 1946). Their video works have been screened regularly in London and at international festivals. The drawing in the video ‘Kissing in hats’ and the print in the exhibition is by Nick Baker.

Rita Soccio (Pescara, Italy, 1971). Graduated at the Academy of Fine Arts in Macerata, his artistic research related to social issues and uses different media. It is firmly convinced that in a historic moment of change like the present one the time has come for the artists to recover their own ethics, rather than focusing exclusively on the concept of aesthetics and at the same time, with the strength of their work, reaffirming the importance of role of the artist, as a beacon that can awaken the dormant and distracted consciences of the community. 

Yuri Yefanov (Zaporizhia, Ucraina, 1990). Grew up in Crimea. In 2012 graduated from Kyiv National University of Culture and Arts, Film Direction Faculty. Artist, film director, actor and musician. Works predominantly with video. Participant of exhibitions, film festivals, music projects in Ukraine and abroad. The work in the exhibition is made of videos designed for wedding films. “Working with kitsch implies the presence of artist’s irony. In this case I tried to go over this line and make the film completely unfunny. However, it is impossible to run away from irony”.

—————————————————

Petra Brnardic (Zagabria, Croazia, 1978) Laureata all'Accademia di Belle Arti di Zagabria nel 2004, sta lavorando a brevi film sperimentali da diversi anni e di solito usa la tecnica del collage e immagini surreali, vivide e psichedeliche ispirate all'era del cinema muto, film underground e cult per lo più dagli anni '60-primi anni '80, estetica horror e camp e altre forme d'arte. "Il mio cinema è poesia visiva, spesso brutale, macabra, allucinante e piena di polarità, come il sesso e la morte o il bene contro il male, proprio come le grotte più profonde della psiche umana e l'oceano del subconscio".

Cochon de Cauchemar (?????, ????). Performer porno/queer residente a Berlino e laureata in Fashion and Textile Design. Nel tentativo di sfidare le percezioni di ciò che può essere il porno, Cauchemar impiega l'estetica kitsch per allinearsi con il discorso in corso attorno al dibattito "Arte contro porno". Si esibisce e collabora con pornografi alternativi, in particolare con coloro che condividono le preoccupazioni degli artisti riguardo al consumismo dominante e coloro che cercano di perseguire prospettive ristrette su corpo, sessualità, fluidità e genere.

Valentina De Franceschi (Vicenza, 1976). Diplomata al Liceo Artistico A.Martini di Schio, nel 2005 si è laureata al D.A.M.S. di Bologna con una tesi multidisciplinare su arte contemporanea, fumetto e comunicazioni di massa. Interessata a tutti i possibili linguaggi comunicativi, ha realizzato opere letterarie, con una serie di libri sulle parafilie e testi per graphic novel, e opere video, curate dalla scrittura alla regia. Nel 2011 ha fondato ex-machina produzioni, che si occupa di creare, organizzare, diffondere interessanti progetti nel campo dell'arte visiva, audiovisiva e letteraria. Frè (????, 1977). Artista visivo, è l’autore della grafica del libretto in mostra. Per informazioni su di lui: https://freart.blog/

Davide De Lillis (Caserta, Italia, 1985) proviene da un mondo lontano. Seguendo i suoni dei riti pre-romani, arriva a Cori. Impara, da un gruppo di cavalieri, a raccontare e danzare le vite degli eroi che hanno fatto dell'empatia e della vulnerabilità la loro forza. È pilotato dai venti impetuosi di un uragano a Palermo, dove lavora come apprendista nel laboratorio di uno sciamano e un pescatore. Diventa un giovane artista e, a bordo di una barchetta di carta, naviga per avventure in terre sconosciute. Arriva a Berlino, dove inizia una fratellanza con un gruppo di 77 pesci rubati.

Werther Germondari (Rimini, 1963) Artista visivo, performer e filmmaker. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge dai primi anni ottanta una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Ha partecipato a esposizioni in gallerie private e spazi sperimentali internazionali, alternando installazioni d’ambiente, videowork e atti performativi, focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti a una visione reale, sociale e politica. Nel 2013 ha ideato l’Ospizio Giovani Artisti.

Eduardo Herrera (Buenos Aires, Argentina, 1977) ha studiato scultura all’Accademia di Belle Arti di Roma e Arti Visive presso l’istituto Antonio Berni (Buenos Aires). Si è Perfezionato nell’arte della ceramica all’Istituto G.Ballardini di Faenza e ha seguito un Corso di ceramica olistica e tecniche sciamaniche all’Istituto Condorhuasi di Buenos Aires. ‘Upload’, il video in mostra, cerca di descrivere la forza che possiamo sentire di abitare in certi luoghi sacri come Antequera Dolmens in Andalusia, così come la nostra presenza interiore che ci permette di essere ‘qui e ora’.

Stuart Pound (Londra, GB, 1944) vive a Londra e lavora nel cinema, con il video digitale, il suono e nelle arti visive dai primi anni '70. Dal 1995 collabora con la poetessa Rosemary Norman (Londra, GB, 1946). I loro lavori video sono e sono stati proiettati regolarmente a Londra e a festival internazionali. Il disegno nel video "Kissing in hats" e nella stampa in mostra sono di Nick Baker.

Rita Soccio (Pescara, 1971). Formatasi presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata, la sua ricerca artistica legata alle tematiche sociali e si avvale dell’utilizzo di diversi media. È fermamente convinta che in un momento storico di cambiamento come quello attuale è venuto il momento per gli artisti di recuperare la propria etica, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sul concetto di estetica e al contempo, con la forza del proprio lavoro, riaffermare l’importanza del ruolo dell’artista, come faro che possa svegliare le coscienze assopite e distratte della collettività.

Yuri Yefanov (Zaporizhia, Ucraina, 1990). Cresciuto in Crimea. Nel 2012 si è laureato presso l'Università Nazionale di Cultura e Arte di Kiev. Artista visivo, regista, attore e musicista, utilizza prevalentemente il video. Ha partecipato a mostre, festival cinematografici, progetti musicali in Ucraina e all'estero. Il lavoro in mostra è realizzato con video progettati per film di matrimonio. "Lavorare con il kitsch implica la presenza dell'ironia dell'artista. In questo caso ho cercato di andare oltre questa linea e rendere il film completamente strano. Tuttavia, è impossibile scappare dall'ironia".

 Werther Germondari © 1980 - 2020