NUDITA'/NUDITY, group exhibition, OGA, Rome, Italy, 12-22 October 2019

Artists: Cesare Bedogné, Neno Belchev, Lavoslava Benčić, Petra Brnardic, Greta Isabella Conte, Johannes C.Gérard, Eduardo Herrera, Werther Germondari e Maria Laura Spagnoli, il7-Marco Settembre.

The multiform and infinite expressiveness offered by the naked human body is the protagonist of this exhibition, with works all as always coming from the OGA Collection. The opening will be on the 15th AMACI Contemporary Day, and the finissage will be the second day of the Rome Art Week 2019 (21-26/10).

La multiforme ed infinita espressività offerta dal corpo umano nudo è la protagonista di questa mostra, con opere tutte come sempre provenienti dalla Collezione dell’OGA. L’inaugurazione sarà in corrispondenza della 15a Giornata del Contemporaneo AMACI, mentre il finissage sarà durante la Rome Art Week 2019.

Cesare Bedogné (Sondrio, Italy, 1968) Cesare Bedogné is an Italian photographer, film-maker and writer. He graduated cum laude in Mathematics. In the course of his studies, he also deepened his interest for the visual arts, with particular attention to cinema, and “in the aim to capture the gaze in its pure state”, he eventually devoted himself to photography. "I believe that photography is an adaptation of vision to a spiritual necessity - the eye forms an image which in its turn, through its inmost resonances, refocuses and transforms the gaze itself". (C.B.)

Neno Belchev (Varna, Bulgaria, 1971). Graduated from the National Academy of Art in Sofia, Bulgaria. Belchev works as video artist and filmmaker as well as in the fields of performance, installation, sculpture, new media and independent curator. Neno has participated in a wide range of solo and group, national and international exhibitions. His task as an artist is to look through the cover of things in their real essence. To provoke the people to see how of front of their own eyes their own world is changing. He uses very often humour, beside that in the other hand I take my art very seriously.

Lavoslava Benčić (Lubiana, Slovenia, 1963) have gained numerous experiences in ideological concepts, designs and implementation of media projects. She acquired andragogical knowledge at the Faculty of Education in Ljubljana and multimedia skills at the Institute and Academy for Multimedia in Ljubljana. After finished BA Media Project Management studies at Middlesex University in London and post graduate studies of Graphic Design at the London College UCK, she completed the MA thesis at the School of Arts University of Nova Gorica (Slovenia), New media department.

Petra Brnardic (Zagreb, Croatia, 1978) Graduated at the Academy of Fine Arts in Zagreb in 2004, she is working on short experimental movies for several years, and she usually use collage technique and surreal, vivid, psychedelic imagery inspired by silent movie era, underground and cult movies mostly from the 60s-early 80s, horror and camp aesthetics and other forms of arts. “My cinema is visual poetry, often brutal, macabric, hallucinant and full of polarities, like sex and death or good versus evil, just like the deepest caves of human psyche and ocean of subconsciousness”.

Greta Isabella Conte (Cologne, Germany, 1990) is a young cinematographer, photographer and film director. With 23 years, she moved to Hamburg where she worked as a camera assistant and where her career as a camerawoman started. Since 2016 she lives in Berlin where she studies cinematography at the renown Filmuniversity Babelsberg Konrad Wolf. He works in the film industry (in 2017 he made an erotic short film produced by Erika Lust as a director), and at the same time continues his research in nude photography.

Johannes C. Gerard (Cologne, Germany, 1959). Dutch/german artist, he studied at School of Printmaking and Design, Cologne, Germany and at Dun Laogharie School of Art and Design, Dublin. During his art career lived and worked among others in Ireland, Spain, Argentina, Taiwan. Currently lives in Berlin and The Hague (NL). Since 1981 participation in exhibitions, projects, video/film world festivals. In 2007 photography, installation, printmaking became main disciplines. In 2012 first videoinstallations. In 2014 first videofilms. At the same time became interested in performance arts.

Werther Germondari (Rimini, Italy, 1963), visual artist and filmmaker. Graduated in Institutions of Direction at the University of Bologna and at the Centro Sperimentale di Cinematografia in Rome, collaborates since 1988 with Maria Laura Spagnoli (Amelia, Italy, 1960) Graduated in History of Music at the University of Rome, and in Institutions of Direction at the University of Bologna. Their first shortfilm was in the Official Selection of the Cannes Film Festival in 1994. The video in the exhibition is one of the episodes of their film project in progress ‘Tractatus logico-phileroticus’.

Eduardo Herrera (Buenos Aires, Argentina, 1977) graduated in Sculpture at the Academy of Fine Arts in Rome and Visual Arts at the Antonio Berni Institute (Buenos Aires). He completed a residensy  in the art of ceramics at the Gaetano Ballardini Institute in Faenza and followed a course in holistic ceramics and shamanic techniques at the Condorhuasi Institute in Buenos Aires. “+ is a kind of ritual videoart project, a meditation videoart project in which all that I see it's not real and the rest I ignore...I just don't see it. I can only feel through my body what is around me and inside of me” (E.H.).

il7-Marco Settembre (Rome, Italy, 1966), graduated in Sociology cum laude with a thesis on video art and Bill Viola, is a cultural journalist for Art a part of cult (ure). As a photographer, his aesthetic research as a flaneur insists on urban decay, alienation and enigmatic, is part of the Gallerati Gallery stables and his photographic works are accompanied by short narrative texts which he then declaims in performative readings. He published "Esterno, giorno" and "Elucubrazioni a buffo!" He is Di-Rector of the Décollage de 'Pataphysique of Rome”.

—————————————

Cesare Bedogné (Sondrio, 1968) è un fotografo, cineasta e scrittore italiano. Si è laureato con lode in Matematica. Nel corso dei suoi studi, ha anche approfondito il suo interesse per le arti visive, con particolare attenzione al cinema, e "allo scopo di catturare lo sguardo nel suo stato puro", alla fine si è dedicato alla fotografia. "Credo che la fotografia sia un adattamento della visione a una necessità spirituale - l'occhio forma un'immagine che a sua volta, attraverso le sue più intime risonanze, rifocalizza e trasforma lo sguardo stesso". (C.B.)

Neno Belchev (Varna, Bulgaria, 1971). Diplomato alla National Academy of Art di Sofia, in Bulgaria, Belchev lavora come videoartista e regista, ma anche con la performance, l’installazione, la scultura, i nuovi media ed è curatore indipendente. Ha partecipato a moltissime mostre collettive internazionali. Il suo approccio è sempre quello di cercare di guardare oltre la superficie delle cose, nella loro vera essenza, anche attraverso la provocazione, riflettendo su come il mondo sta cambiando sotto i nostri occhi. Usa molto spesso l'umorismo, ma prende molto sul serio la sua arte.

Lavoslava Benčić (Lubiana, Slovenia, 1963) ha maturato numerose esperienze in concetti ideologici. Ha acquisito conoscenze andragogiche presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Lubiana e competenze multimediali presso l'Istituto e l'Accademia per i multimedia di Lubiana. Dopo aver terminato gli studi di BA Media Project Management presso la Middlesex University di Londra e gli studi post-laurea in Graphic Design presso il London College UCK, ha completato la tesi di laurea specialistica presso la School of Arts University di Nova Gorica (Slovenia), dip. New media.

Petra Brnardic (Zagabria, Croazia, 1978) Laureata all'Accademia di Belle Arti di Zagabria nel 2004, sta lavorando a brevi film sperimentali da diversi anni e di solito usa la tecnica del collage e immagini surreali, vivide e psichedeliche ispirate all'era del cinema muto, film underground e cult per lo più dagli anni '60-primi anni '80, estetica horror e camp e altre forme d'arte. "Il mio cinema è poesia visiva, spesso brutale, macabra, allucinante e piena di polarità, come il sesso e la morte o il bene contro il male, proprio come le grotte più profonde della psiche umana e l'oceano del subconscio".

Greta Isabella Conte (Colonia, Germania, 1990) è una giovane fotografa. direttrice della fotografia e regista. A 23 anni si è trasferita ad Amburgo dove ha lavorato come assistente alla macchina da presa e ha iniziato la sua carriera da cameraman. Dal 2016 vive a Berlino dove studia cinematografia presso la rinomata Filmuniversity Babelsberg Konrad Wolf. Lavora nel settore cinematografico (nel 2017 ha realizzato da regista un cortometraggio erotico prodotto da Erika Lust), e contemporaneamente prosegue la sua ricerca nella fotografia di nudo.

Johannes C. Gerard (Colonia, Germania, 1959) Artista di nazionalità tedesca e olandese, ha studiato alla School of Printmaking and Design di Colonia, in Germania, e alla Dun Laogharie School of Art and Design di Dublino. Durante la sua carriera artistica ha vissuto e lavorato in molti paesi. Attualmente vive a Berlino e L'Aia. Dal 1981 partecipa a mostre, progetti, video/film in tutto il mondo. Nel 2007 la fotografia, l'installazione e la stampa sono diventate le sue discipline predilette, poi nel 2012 realizza le prime installazioni video e nel 2014 i primi video e alle arti performative.

Werther Germondari (Rimini, 1963), artista visivo e filmmaker laureato in Istituzioni di Regia all’Università di Bologna e diplomato presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, collabora dal 1988 con Maria Laura Spagnoli (Amelia, 1960), laureata in Storia della Musica presso l’Università di Roma, e in Istituzioni di Regia all’Università di Bologna. Il loro primo cortometraggio è stato proiettato nella Selezione Ufficiale del Festival di Cannes nel 1994. Il video in mostra uno degli episodi del loro progetto cinematografico in progress ‘Tractatus logico-phileroticus’.

Eduardo Herrera (Buenos Aires, Argentina, 1977) si è laureato in Scultura all'Accademia di Belle Arti di Roma e in Arti Visive all'Istituto Berni di Buenos Aires). Ha completato una residenza nell'arte della ceramica presso l'Ist. G.Ballardini di Faenza e ha seguito un corso di ceramica olistica e tecniche sciamaniche presso l'Istituto Condorhuasi di Buenos Aires. “+  è un progetto di videoarte rituale, un progetto di videoarte meditativa in cui tutto ciò che vedo non è reale e quello che ignoro... Non lo vedo. Riesco a sentire solo attraverso il mio corpo ciò che è intorno a me e dentro di me” (E.H.).

il7 - Marco Settembre (Roma, 1966), laureato in Sociologia cum laude con una tesi sulla videoarte e Bill Viola, è giornalista culturale per Art a part of cult(ure). Come fotografo, la sua ricerca estetica da flaneur insiste sul degrado urbano, l’alienazione e l’enigmaticità, fa parte delle scuderie della Galleria Gallerati e i suoi lavori fotografici sono accompagnati da brevi testi narrativi che poi declama in reading performativi. Ha pubblicato "Esterno, giorno" ed "Elucubrazioni a buffo!" È Di-Rettore del Décollage de 'Pataphysique di Roma".

 Werther Germondari © 1980 - 2019